Nel 2023 festeggerò quarant’anni di judo, quaranta ellissi, quaranta giri attorno al Sole, passati per diverse ore alla settimana sopra il tatami. Ho iniziato nel settembre del 1983, a cinque anni e mezzo. Il prossimo settembre avrò quarantacinque anni e mezzo. Per quanto la mia vita sia cambiata, per quanto abbia cambiato città, abbia cambiato palestre, mi sia sposato, abbia cresciuto un bambino, abbia iniziato a lavorare, non ho mai smesso di praticare il ju-do, non ho mai smesso di seguire la via della cedevolezza.

Read More

Paola Mancinelli, Atelier, 18/9/2022

Valerio Cuccaroni, con la sua prima raccolta poetica Lucida tela, pubblicata nel marzo 2022 nella collana “Nuova Poetica 3.0” di Transeuropa, compie un vero e proprio viaggio nel cuore della parola, del linguaggio e delle sue significazioni. Come evidenzia Lello Voce nella prefazione: “Ogni testo sembra star lì come fosse – in sé – un singolo carattere alfabetico di una lingua che sta tentando di crearsi, di far tessuto e poi testo, con indiscutibile lucidità (delle forme linguistiche sempre nette e piane, e delle luci che, dando loro profilo, le rilevano e le rivelano). […] Tentativi di fare luce, di esercitare ragione, pensiero, tentativi, infine, visto che è di poesie che stiamo parlando, di usare la lingua come un grimaldello che apra porte e che, per l’appunto, ci sorprenda.”
Nelle cinque sezioni che compongo il testo, la parola poetica spicca il volo del senso, rivela la sua natura di tensione e di domanda, si presenta come una cosmogonia di significati, un’iconografia del frammento che guarda e si orienta all’insieme, al tutto in un andamento rizomatico, immagine, questa, riverberata dal titolo in cui è citato il frammento lucreziano in chiusura di testo lucide frecce diurne. Una “scala stellare”, la salita verso l’infinita possibilità della parola di dire il mondo e di sperimentarne la varietà simbolica. “Non ti lasci giocare/ da quell’unico astro,/ non aspetti l’incastro,/ hai una scala stellare.” [7]
In Cartomanzia, la prima sezione che apre il libro, colpisce già la forza dell’utilizzo di metafore come la maschera subacquea che trasforma il tuffatore in una cosmonauta quotidiano

Read More

Chi ha escluso le scrittrici dalla storia della letteratura italiana? Quali sono le Classiche, che dovremmo leggere insieme ai Classici?
Per una nuova storia letteraria di Federico Sanguineti risponde a questa domanda.
Il libro inaugura Rosa fresca aulentissima, una nuova collana del nostro progetto editoriale Argolibri, dedicata alle autrici rimosse dal canone letterario, a cura di Federico Sanguineti e Sara Lorenzetti.
Lunedì inizia il tour di presentazioni.
Prime tappe:
29/8 – ore 19.00 – Lokanda Mala Gel / MC
30/8 – ore 19.30 – Lazzabaretto / AN
31/8 – ore 18.30 – Mondadori Bookstore / FM


Recitativo a due voci del poemetto “Il tarassaco” con l’autore Davide Nota e l’attore Giacomo Lilliù al Mixdown festival, sul Lago di Cingoli

20 agosto 2022 ore 21.00

Il tarassaco è il poemetto di chiusura del libro Rovi (Argolibri 2022) che ho pubblicato nella mia collana Fari e che raccoglie tutte le poesie di Davide Nota. Congedo e compendio di un’intera esperienza umana, politica e generazionale, dalle Torri gemelle alla digitalizzazione della realtà, è anche un atto di consegna al lettore di quello che negli ultimi versi del testo viene definito come “Il fiore smarrito della rivolta”.

Arcobaleno Beach, Località Castreccioni, 62011 Cingoli MC 20-08-2022 9:00 pm | Ingresso libero

footerlogo

Dal 12 al 16 giugno ho accompagnato otto allieve del Liceo scientifico Galilei in Croazia per la Settimana azzurra, un viaggio di istruzione alla scoperta delle bellezze naturalistiche della costa croata e delle leggi della Fisica applicata alla Vela. Con una flottiglia di cinque barche a vela, guidate dagli skipper dell’associazione sportiva Four Sealing, siamo partiti da Marina Dorica, porto turistico di Ancona, e siamo approdati a Lussino, in Croazia, per navigare fra isolotti e baie. Il ricordo di questo viaggio sarebbe potuto svanire, come la schiuma delle onde sulla battigia, invece…

Read More