Eneide, libro IV

Versione latina e a seguire traduzione italiana

At regina gravi iamdudum saucia cura
vulnus alit venis et caeco carpitur igni.
multa viri virtus animo multusque recursat
gentis honos; haerent infixi pectore vultus
verbaque nec placidam membris dat cura quietem.
postera Phoebea lustrabat lampade terras
umentemque Aurora polo dimoverat umbram,
cum sic unanimam adloquitur male sana sororem:
‘Anna soror, quae me suspensam insomnia terrent.
quis novus hic nostris successit sedibus hospes,
quem sese ore ferens, quam forti pectore et armis.
credo equidem, nec vana fides, genus esse deorum.
degeneres animos timor arguit. heu, quibus ille
iactatus fatis. quae bella exhausta canebat.
Si mihi non animo fixum immotumque sederet
ne cui me vinclo vellem sociare iugali,
postquam primus amor deceptam morte fefellit;
si non pertaesum thalami taedaeque fuisset,
huic uni forsan potui succumbere culpae.
Anna fatebor enim miseri post fata Sychaei
coniugis et sparsos fraterna caede penatis
solus hic inflexit sensus animumque labantem
impulit. agnosco veteris vestigia flammae.
sed mihi vel tellus optem prius ima dehiscat
vel pater omnipotens adigat me fulmine ad umbras,
pallentis umbras Erebo noctemque profundam,
ante, pudor, quam te violo aut tua iura resolvo.
ille meos, primus qui me sibi iunxit, amores
abstulit; ille habeat secum servetque sepulcro.’
sic effata sinum lacrimis implevit obortis.
Anna refert: ‘o luce magis dilecta sorori,
solane perpetua maerens carpere iuventa
nec dulcis natos Veneris nec praemia noris?
id cinerem aut manis credis curare sepultos?
esto: aegram nulli quondam flexere mariti,
non Libyae, non ante Tyro; despectus Iarbas
ductoresque alii, quos Africa terra triumphis
dives alit: placitone etiam pugnabis amori?
nec venit in mentem quorum consederis arvis?
hinc Gaetulae urbes, genus insuperabile bello,
et Numidae infreni cingunt et inhospita Syrtis;
hinc deserta siti regio lateque furentes
Barcaei. quid bella Tyro surgentia dicam
germanique minas?
dis equidem auspicibus reor et Iunone secunda
hunc cursum Iliacas vento tenuisse carinas.
quam tu urbem, soror, hanc cernes, quae surgere regna
coniugio tali. Teucrum comitantibus armis
Punica se quantis attollet gloria rebus.
tu modo posce deos veniam, sacrisque litatis
indulge hospitio causasque innecte morandi,
dum pelago desaevit hiems et aquosus Orion,
quassataeque rates, dum non tractabile caelum.’

His dictis impenso animum flammavit amore
spemque dedit dubiae menti solvitque pudorem.
principio delubra adeunt pacemque per aras
exquirunt; mactant lectas de more bidentis
legiferae Cereri Phoeboque patrique Lyaeo,
Iunoni ante omnis, cui vincla iugalia curae.
ipsa tenens dextra pateram pulcherrima Dido
candentis vaccae media inter cornua fundit,
aut ante ora deum pinguis spatiatur ad aras,
instauratque diem donis, pecudumque reclusis
pectoribus inhians spirantia consulit exta.
heu, vatum ignarae mentes. quid vota furentem,
quid delubra iuvant? est mollis flamma medullas
interea et tacitum vivit sub pectore uulnus.
uritur infelix Dido totaque vagatur
urbe furens, qualis coniecta cerva sagitta,
quam procul incautam nemora inter Cresia fixit
pastor agens telis liquitque volatile ferrum
nescius: illa fuga silvas saltusque peragrat
Dictaeos; haeret lateri letalis harundo.
nunc media Aenean secum per moenia ducit
Sidoniasque ostentat opes urbemque paratam,
incipit effari mediaque in voce resistit;
nunc eadem labente die convivia quaerit,
Iliacosque iterum demens audire labores
exposcit pendetque iterum narrantis ab ore.
post ubi digressi, lumenque obscura vicissim
luna premit suadentque cadentia sidera somnos,
sola domo maeret vacua stratisque relictis
incubat. illum absens absentem auditque videtque,
aut gremio Ascanium genitoris imagine capta
detinet, infandum si fallere possit amorem.
non coeptae adsurgunt turres, non arma iuventus
exercet portusve aut propugnacula bello
tuta parant: pendent opera interrupta minaeque
murorum ingentes aequataque machina caelo.
Quam simul ac tali persensit peste teneri
cara Iovis coniunx nec famam obstare furori,
talibus adgreditur Venerem Saturnia dictis:
‘egregiam vero laudem et spolia ampla refertis
tuque puerque tuus magnum et memorabile numen,
una dolo divum si femina victa duorum est.
nec me adeo fallit veritam te moenia nostra
suspectas habuisse domos Karthaginis altae.
sed quis erit modus, aut quo nunc certamine tanto?
quin potius pacem aeternam pactosque hymenaeos
exercemus? habes tota quod mente petisti:
ardet amans Dido traxitque per ossa furorem.
communem hunc ergo populum paribusque regamus
auspiciis; liceat Phrygio servire marito
dotalisque tuae Tyrios permittere dextrae.’
Olli sensit enim simulata mente locutam,
quo regnum Italiae Libycas averteret oras
sic contra est ingressa Venus: ‘quis talia demens
abnuat aut tecum malit contendere bello?
si modo quod memoras factum fortuna sequatur.
sed fatis incerta feror, si Iuppiter unam
esse velit Tyriis urbem Troiaque profectis,
miscerive probet populos aut foedera iungi.
tu coniunx, tibi fas animum temptare precando.
perge, sequar.’ tum sic excepit regia Iuno:
‘mecum erit iste labor. nunc qua ratione quod instat
confieri possit, paucis adverte docebo.
venatum Aeneas unaque miserrima Dido
in nemus ire parant, ubi primos crastinus ortus
extulerit Titan radiisque retexerit orbem.
his ego nigrantem commixta grandine nimbum,
dum trepidant alae saltusque indagine cingunt,
desuper infundam et tonitru caelum omne ciebo.
diffugient comites et nocte tegentur opaca:
speluncam Dido dux et Troianus eandem
devenient. adero et, tua si mihi certa voluntas,
conubio iungam stabili propriamque dicabo.
hic hymenaeus erit.’ non adversata petenti
adnuit atque dolis risit Cytherea repertis.
Oceanum interea surgens Aurora reliquit.
it portis iubare exorto delecta iuventus,
retia rara, plagae, lato venabula ferro,
Massylique ruunt equites et odora canum vis.
reginam thalamo cunctantem ad limina primi
Poenorum exspectant, ostroque insignis et auro
stat sonipes ac frena ferox spumantia mandit.
tandem progreditur magna stipante caterva
Sidoniam picto chlamydem circumdata limbo;
cui pharetra ex auro, crines nodantur in aurum,
aurea purpuream subnectit fibula vestem.
nec non et Phrygii comites et laetus Iulus
incedunt. ipse ante alios pulcherrimus omnis
infert se socium Aeneas atque agmina iungit.
qualis ubi hibernam Lyciam Xanthique fluenta
deserit ac Delum maternam invisit Apollo
instauratque choros, mixtique altaria circum
Cretesque Dryopesque fremunt pictique Agathyrsi;
ipse iugis Cynthi graditur mollique fluentem
fronde premit crinem fingens atque implicat auro,
tela sonant umeris: haud illo segnior ibat
Aeneas, tantum egregio decus enitet ore.
postquam altos ventum in montis atque invia lustra,
ecce ferae saxi deiectae vertice caprae
decurrere iugis; alia de parte patentis
transmittunt cursu campos atque agmina cervi
pulverulenta fuga glomerant montisque relinquunt.
at puer Ascanius mediis in vallibus acri
gaudet equo iamque hos cursu, iam praeterit illos,
spumantemque dari pecora inter inertia votis
optat aprum, aut fulvum descendere monte leonem.
Interea magno misceri murmure caelum
incipit, insequitur commixta grandine nimbus,
et Tyrii comites passim et Troiana iuventus
Dardaniusque nepos Veneris diversa per agros
tecta metu petiere; ruunt de montibus amnes.
speluncam Dido dux et Troianus eandem
deveniunt. prima et Tellus et pronuba Iuno
dant signum; fulsere ignes et conscius aether
conubiis summoque ulularunt vertice Nymphae.
ille dies primus leti primusque malorum
causa fuit; neque enim specie famave movetur
nec iam furtivum Dido meditatur amorem:
coniugium vocat, hoc praetexit nomine culpam.
Extemplo Libyae magnas it Fama per urbes,
Fama, malum qua non aliud velocius ullum:
mobilitate viget virisque adquirit eundo,
parva metu primo, mox sese attollit in auras
ingrediturque solo et caput inter nubila condit.
illam Terra parens ira inritata deorum
extremam, ut perhibent, Coeo Enceladoque sororem
progenuit pedibus celerem et pernicibus alis,
monstrum horrendum, ingens, cui quot sunt corpore plumae,
tot vigiles oculi subter mirabile dictu,
tot linguae, totidem ora sonant, tot subrigit auris.
nocte volat caeli medio terraeque per umbram
stridens, nec dulci declinat lumina somno;
luce sedet custos aut summi culmine tecti
turribus aut altis, et magnas territat urbes,
tam ficti pravique tenax quam nuntia veri.
haec tum multiplici populos sermone replebat
gaudens, et pariter facta atque infecta canebat:
venisse Aenean Troiano sanguine cretum,
cui se pulchra viro dignetur iungere Dido;
nunc hiemem inter se luxu, quam longa, fovere
regnorum immemores turpique cupidine captos.
haec passim dea foeda virum diffundit in ora.
protinus ad regem cursus detorquet Iarban
incenditque animum dictis atque aggerat iras.

Hic Hammone satus rapta Garamantide nympha
templa Iovi centum latis immania regnis,
centum aras posuit vigilemque sacraverat ignem,
excubias divum aeternas, pecudumque cruore
pingue solum et variis florentia limina sertis.
isque amens animi et rumore accensus amaro
dicitur ante aras media inter numina divum
multa Iovem manibus supplex orasse supinis:
‘Iuppiter omnipotens, cui nunc Maurusia pictis
gens epulata toris Lenaeum libat honorem,
aspicis haec? an te, genitor, cum fulmina torques
nequiquam horremus, caecique in nubibus ignes
terrificant animos et inania murmura miscent?
femina, quae nostris errans in finibus urbem
exiguam pretio posuit, cui litus arandum
cuique loci leges dedimus, conubia nostra
reppulit ac dominum Aenean in regna recepit.
et nunc ille Paris cum semiviro comitatu,
Maeonia mentum mitra crinemque madentem
subnexus, rapto potitur: nos munera templis
quippe tuis ferimus famamque fovemus inanem.’
Talibus orantem dictis arasque tenentem
audiit Omnipotens, oculosque ad moenia torsit
regia et oblitos famae melioris amantis.
tum sic Mercurium adloquitur ac talia mandat:
‘vade age, nate, voca Zephyros et labere pennis
Dardaniumque ducem, Tyria Karthagine qui nunc
exspectat fatisque datas non respicit urbes,
adloquere et celeris defer mea dicta per auras.
non illum nobis genetrix pulcherrima talem
promisit Graiumque ideo bis vindicat armis;
sed fore qui gravidam imperiis belloque frementem
Italiam regeret, genus alto a sanguine Teucri
proderet, ac totum sub leges mitteret orbem.
si nulla accendit tantarum gloria rerum
nec super ipse sua molitur laude laborem,
Ascanione pater Romanas invidet arces?
quid struit? aut qua spe inimica in gente moratur
nec prolem Ausoniam et Lauinia respicit arva?
naviget. haec summa est, hic nostri nuntius esto.’
Dixerat. ille patris magni parere parabat
imperio; et primum pedibus talaria nectit
aurea, quae sublimem alis sive aequora supra
seu terram rapido pariter cum flamine portant.
tum virgam capit: hac animas ille evocat Orco
pallentis, alias sub Tartara tristia mittit,
dat somnos adimitque, et lumina morte resignat.
illa fretus agit ventos et turbida tranat
nubila. iamque volans apicem et latera ardua cernit
Atlantis duri caelum qui vertice fulcit,
Atlantis, cinctum adsidue cui nubibus atris
piniferum caput et uento pulsatur et imbri,
nix umeros infusa tegit, tum flumina mento
praecipitant senis, et glacie riget horrida barba.
hic primum paribus nitens Cyllenius alis
constitit; hinc toto praeceps se corpore ad undas
misit aui similis, quae circum litora, circum
piscosos scopulos humilis volat aequora iuxta.
haud aliter terras inter caelumque volabat
litus harenosum ad Libyae, ventosque secabat
materno veniens ab avo Cyllenia proles.
ut primum alatis tetigit magalia plantis,
Aenean fundantem arces ac tecta novantem
conspicit. atque illi stellatus iaspide fulva
ensis erat Tyrioque ardebat murice laena
demissa ex umeris, dives quae munera Dido
fecerat, et tenui telas discreverat auro.
continuo invadit: ‘tu nunc Karthaginis altae
fundamenta locas pulchramque uxorius urbem
exstruis? heu, regni rerumque oblite tuarum.
ipse deum tibi me claro demittit Olympo
regnator, caelum et terras qui numine torquet,
ipse haec ferre iubet celeris mandata per auras:
quid struis? aut qua spe Libycis teris otia terris? bisticcio?
si te nulla movet tantarum gloria rerum
[nec super ipse tua moliris laude laborem,]
Ascanium surgentem et spes heredis Iuli
respice, cui regnum Italiae Romanaque tellus
debetur.’ tali Cyllenius ore locutus
mortalis visus medio sermone reliquit
et procul in tenuem ex oculis evanuit auram.
At vero Aeneas aspectu obmutuit amens,
arrectaeque horrore comae et vox faucibus haesit.
ardet abire fuga dulcisque relinquere terras,
attonitus tanto monitu imperioque deorum.
heu quid agat? quo nunc reginam ambire furentem
audeat adfatu? quae prima exordia sumat?
atque animum nunc huc celerem nunc dividit illuc
in partisque rapit varias perque omnia versat.
haec alternanti potior sententia visa est:
Mnesthea Sergestumque vocat fortemque Serestum,
classem aptent taciti sociosque ad litora cogant,
arma parent et quae rebus sit causa novandis
dissimulent; sese interea, quando optima Dido
nesciat et tantos rumpi non speret amores,
temptaturum aditus et quae mollissima fandi
tempora, quis rebus dexter modus. ocius omnes
imperio laeti parent et iussa facessunt.
At regina dolos quis fallere possit amantem?
praesensit, motusque excepit prima futuros
omnia tuta timens. eadem impia Fama furenti
detulit armari classem cursumque parari.
saevit inops animi totamque incensa per urbem
bacchatur, qualis commotis excita sacris
Thyias, ubi audito stimulant trieterica Baccho
orgia nocturnusque vocat clamore Cithaeron.
tandem his Aenean compellat vocibus ultro:
‘dissimulare etiam sperasti, perfide, tantum
posse nefas tacitusque mea decedere terra?
nec te noster amor nec te data dextera quondam
nec moritura tenet crudeli funere Dido?
quin etiam hiberno moliri sidere classem
et mediis properas Aquilonibus ire per altum,
crudelis? quid, si non arva aliena domosque
ignotas peteres, et Troia antiqua maneret,
Troia per undosum peteretur classibus aequor?
mene fugis? per ego has lacrimas dextramque tuam te
quando aliud mihi iam miserae nihil ipsa reliqui,
per conubia nostra, per inceptos hymenaeos,
si bene quid de te merui, fuit aut tibi quicquam
dulce meum, miserere domus labentis et istam,
oro, si quis adhuc precibus locus, exue mentem.
te propter Libycae gentes Nomadumque tyranni
odere, infensi Tyrii; te propter eundem
exstinctus pudor et, qua sola sidera adibam,
fama prior. cui me moribundam deseris hospes
hoc solum nomen quoniam de coniuge restat?
quid moror? an mea Pygmalion dum moenia frater
destruat aut captam ducat Gaetulus Iarbas?
saltem si qua mihi de te suscepta fuisset
ante fugam suboles, si quis mihi parvulus aula
luderet Aeneas, qui te tamen ore referret,
non equidem omnino capta ac deserta viderer.’
Dixerat. ille Iovis monitis immota tenebat
lumina et obnixus curam sub corde premebat.
tandem pauca refert: ‘ego te, quae plurima fando
enumerare vales, numquam, regina, negabo
promeritam, nec me meminisse pigebit Elissae
dum memor ipse mei, dum spiritus hos regit artus.
pro re pauca loquar. neque ego hanc abscondere furto
speravi ne finge fugam, nec coniugis umquam
praetendi taedas aut haec in foedera veni.
me si fata meis paterentur ducere vitam
auspiciis et sponte mea componere curas,
urbem Troianam primum dulcisque meorum
reliquias colerem, Priami tecta alta manerent,
et recidiua manu posuissem Pergama victis.
sed nunc Italiam magnam Gryneus Apollo,
Italiam Lyciae iussere capessere sortes;
hic amor, haec patria est. si te Karthaginis arces
Phoenissam Libycaeque aspectus detinet urbis,
quae tandem Ausonia Teucros considere terra
invidia est? et nos fas extera quaerere regna.
me patris Anchisae, quotiens umentibus umbris
nox operit terras, quotiens astra ignea surgunt,
admonet in somnis et turbida terret imago;
me puer Ascanius capitisque iniuria cari,
quem regno Hesperiae fraudo et fatalibus arvis.
nunc etiam interpres diuum Iove missus ab ipso
testor utrumque caput celeris mandata per auras
detulit: ipse deum manifesto in lumine vidi
intrantem muros vocemque his auribus hausi.
desine meque tuis incendere teque querelis;
Italiam non sponte sequor.’
Talia dicentem iamdudum aversa tuetur
huc illuc volvens oculos totumque pererrat
luminibus tacitis et sic accensa profatur:
‘nec tibi diua parens generis nec Dardanus auctor,
perfide, sed duris genuit te cautibus horrens
Caucasus Hyrcanaeque admorunt ubera tigres.
nam quid dissimulo aut quae me ad maiora reservo?
num fletu ingemuit nostro? num lumina flexit?
num lacrimas victus dedit aut miseratus amantem est?
quae quibus anteferam? iam iam nec maxima Iuno
nec Saturnius haec oculis pater aspicit aequis.
nusquam tuta fides. eiectum litore, egentem
excepi et regni demens in parte locavi.
amissam classem, socios a morte reduxi
heu furiis incensa feror: nunc augur Apollo,
nunc Lyciae sortes, nunc et Iove missus ab ipso
interpres divum fert horrida iussa per auras.
scilicet is superis labor est, ea cura quietos
sollicitat. neque te teneo neque dicta refello:
i, sequere Italiam ventis, pete regna per undas.
spero equidem mediis, si quid pia numina possunt,
supplicia hausurum scopulis et nomine Dido
saepe vocaturum. sequar atris ignibus absens
et, cum frigida mors anima seduxerit artus,
omnibus umbra locis adero. dabis, improbe, poenas.
audiam et haec Manis veniet mihi fama sub imos.’
his medium dictis sermonem abrumpit et auras
aegra fugit seque ex oculis avertit et aufert,
linquens multa metu cunctantem et multa parantem
dicere. suscipiunt famulae conlapsaque membra
marmoreo referunt thalamo stratisque reponunt.
At pius Aeneas, quamquam lenire dolentem
solando cupit et dictis avertere curas,
multa gemens magnoque animum labefactus amore
iussa tamen divum exsequitur classemque revisit.
tum vero Teucri incumbunt et litore celsas
deducunt toto navis. natat uncta carina,
frondentisque ferunt remos et robora silvis
infabricata fugae studio.
migrantis cernas totaque ex urbe ruentis:
ac velut ingentem formicae farris aceruum
cum populant hiemis memores tectoque reponunt,
it nigrum campis agmen praedamque per herbas
convectant calle angusto; pars grandia trudunt
obnixae frumenta umeris, pars agmina cogunt
castigantque moras, opere omnis semita fervet.
Quis tibi tum, Dido, cernenti talia sensus,
quosve dabas gemitus, cum litora fervere late
prospiceres arce ex summa, totumque videres
misceri ante oculos tantis clamoribus aequor.
improbe Amor, quid non mortalia pectora cogis.
ire iterum in lacrimas, iterum temptare precando
cogitur et supplex animos summittere amori,
ne quid inexpertum frustra moritura relinquat.
‘Anna, vides toto properari litore circum:
undique convenere; vocat iam carbasus auras,
puppibus et laeti nautae imposuere coronas.
hunc ego si potui tantum sperare dolorem,
et perferre, soror, potero. miserae hoc tamen unum
exsequere, Anna, mihi; solam nam perfidus ille
te colere, arcanos etiam tibi credere sensus;
sola viri mollis aditus et tempora noras.
i, soror, atque hostem supplex adfare superbum:
non ego cum Danais Troianam exscindere gentem
Aulide iuravi classemve ad Pergama misi,
nec patris Anchisae cinerem manisve revelli:
cur mea dicta negat duras demittere in auris?
quo ruit? extremum hoc miserae det munus amanti:
exspectet facilemque fugam ventosque ferentis.
non iam coniugium antiquum, quod prodidit, oro,
nec pulchro ut Latio careat regnumque relinquat:
tempus inane peto, requiem spatiumque furori,
dum mea me victam doceat fortuna dolere.
extremam hanc oro veniam miserere sororis,
quam mihi cum dederit cumulatam morte remittam.’
Talibus orabat, talisque miserrima fletus
fertque refertque soror. sed nullis ille movetur
fletibus aut voces ullas tractabilis audit;
fata obstant placidasque viri deus obstruit auris.
ac velut annoso validam cum robore quercum
Alpini Boreae nunc hinc nunc flatibus illinc
eruere inter se certant; it stridor, et altae
consternunt terram concusso stipite frondes;
ipsa haeret scopulis et quantum vertice ad auras
aetherias, tantum radice in Tartara tendit:
haud secus adsiduis hinc atque hinc vocibus heros
tunditur, et magno persentit pectore curas;
mens immota manet, lacrimae volvuntur inanes.
Tum vero infelix fatis exterrita Dido
mortem orat; taedet caeli convexa tueri.
quo magis inceptum peragat lucemque relinquat,
vidit, turicremis cum dona imponeret aris,
horrendum dictu latices nigrescere sacros
fusaque in obscenum se vertere vina cruorem;
hoc visum nulli, non ipsi effata sorori.
praeterea fuit in tectis de marmore templum
coniugis antiqui, miro quod honore colebat,
velleribus niueis et festa fronde revinctum:
hinc exaudiri voces et verba vocantis
visa viri, nox cum terras obscura teneret,
solaque culminibus ferali carmine bubo
saepe queri et longas in fletum ducere voces;
multaque praeterea vatum praedicta priorum
terribili monitu horrificant. agit ipse furentem
in somnis ferus Aeneas, semperque relinqui
sola sibi, semper longam incomitata videtur
ire viam et Tyrios deserta quaerere terra,
Eumenidum veluti demens videt agmina Pentheus
et solem geminum et duplices se ostendere Thebas,
aut Agamemnonius scaenis agitatus Orestes,
armatam facibus matrem et serpentibus atris
cum fugit ultricesque sedent in limine Dirae.
Ergo ubi concepit furias evicta dolore
decrevitque mori, tempus secum ipsa modumque
exigit, et maestam dictis adgressa sororem
consilium vultu tegit ac spem fronte serenat:
‘inveni, germana, viam gratare sorori
quae mihi reddat eum vel eo me solvat amantem.
Oceani finem iuxta solemque cadentem
ultimus Aethiopum locus est, ubi maximus Atlas
axem umero torquet stellis ardentibus aptum:
hinc mihi Massylae gentis monstrata sacerdos,
Hesperidum templi custos, epulasque draconi
quae dabat et sacros servabat in arbore ramos,
spargens umida mella soporiferumque papaver.
haec se carminibus promittit solvere mentes
quas velit, ast aliis duras immittere curas,
sistere aquam fluviis et uertere sidera retro,
nocturnosque movet Manis: mugire videbis
sub pedibus terram et descendere montibus ornos.
testor, cara, deos et te, germana, tuumque
dulce caput, magicas invitam accingier artis.
tu secreta pyram tecto interiore sub auras
erige, et arma uiri thalamo quae fixa reliquit
impius exuviasque omnis lectumque iugalem,
quo perii, super imponas: abolere nefandi
cuncta viri monimenta iuvat monstratque sacerdos.’
haec effata silet, pallor simul occupat ora.
non tamen Anna novis praetexere funera sacris
germanam credit, nec tantos mente furores
concipit aut graviora timet quam morte Sychaei.
ergo iussa parat.
At regina, pyra penetrali in sede sub auras
erecta ingenti taedis atque ilice secta,
intenditque locum sertis et fronde coronat
funerea; super exuvias ensemque relictum
effigiemque toro locat haud ignara futuri.
stant arae circum et crinis effusa sacerdos
ter centum tonat ore deos, Erebumque Chaosque
tergeminamque Hecaten, tria virginis ora Dianae.
sparserat et latices simulatos fontis Averni,
falcibus et messae ad lunam quaeruntur aenis
pubentes herbae nigri cum lacte veneni;
quaeritur et nascentis equi de fronte revulsus
et matri praereptus amor.
ipsa mola manibusque piis altaria iuxta
unum exuta pedem vinclis, in veste recincta,
testatur moritura deos et conscia fati
sidera; tum, si quod non aequo foedere amantis
curae numen habet iustumque memorque, precatur.
Nox erat et placidum carpebant fessa soporem
corpora per terras, silvaeque et saeva quierant
aequora, cum medio volvuntur sidera lapsu,
cum tacet omnis ager, pecudes pictaeque volucres,
quaeque lacus late liquidos quaeque aspera dumis
rura tenent, somno positae sub nocte silenti.
at non infelix animi Phoenissa, neque umquam
solvitur in somnos oculisve aut pectore noctem
accipit: ingeminant curae rursusque resurgens
saevit amor magnoque irarum fluctuat aestu.
sic adeo insistit secumque ita corde volutat:
‘en, quid ago? rursusne procos inrisa priores
experiar, Nomadumque petam conubia supplex,
quos ego sim totiens iam dedignata maritos?
Iliacas igitur classis atque ultima Teucrum
iussa sequar? quiane auxilio iuvat ante levatos
et bene apud memores veteris stat gratia facti?
quis me autem, fac velle, sinet ratibusue superbis
invisam accipiet? nescis heu, perdita, necdum
Laomedonteae sentis periuria gentis?
quid tum? sola fuga nautas comitabor ovantis?
an Tyriis omnique manu stipata meorum
inferar et, quos Sidonia vix urbe revelli,
rursus agam pelago et ventis dare vela iubebo?
quin morere ut merita es, ferroque averte dolorem.
tu lacrimis evicta meis, tu prima furentem
his, germana, malis oneras atque obicis hosti.
non licuit thalami expertem sine crimine vitam
degere more ferae, talis nec tangere curas;
non servata fides cineri promissa Sychaeo.’
Tantos illa suo rumpebat pectore questus:
Aeneas celsa in puppi iam certus eundi
carpebat somnos rebus iam rite paratis.
huic se forma dei vultu redeuntis eodem
obtulit in somnis rursusque ita visa monere est,
omnia Mercurio similis, vocemque coloremque ipemetro
et crinis flavos et membra decora iuventa:
‘nate dea, potes hoc sub casu ducere somnos,
nec quae te circum stent deinde pericula cernis,
demens, nec Zephyros audis spirare secundos?
illa dolos dirumque nefas in pectore versat
certa mori, variosque irarum concitat aestus.
non fugis hinc praeceps, dum praecipitare potestas?
iam mare turbari trabibus saevasque videbis
conlucere faces, iam fervere litora flammis,
si te his attigerit terris Aurora morantem.
heia age, rumpe moras. varium et mutabile semper
femina.’ sic fatus nocti se immiscuit atrae.
Tum vero Aeneas subitis exterritus umbris
corripit e somno corpus sociosque fatigat
praecipitis: ‘vigilate, viri, et considite transtris;
solvite vela citi. deus aethere missus ab alto
festinare fugam tortosque incidere funis
ecce iterum instimulat. sequimur te, sancte deorum,
quisquis es, imperioque iterum paremus ovantes.
adsis o placidusque iuves et sidera caelo
dextra feras.’ dixit vaginaque eripit ensem
fulmineum strictoque ferit retinacula ferro.
idem omnis simul ardor habet, rapiuntque ruuntque;
litora deseruere, latet sub classibus aequor,
adnixi torquent spumas et caerula verrunt.
Et iam prima novo spargebat lumine terras
Tithoni croceum linquens Aurora cubile.
regina e speculis ut primam albescere lucem
vidit et aequatis classem procedere velis,
litoraque et vacuos sensit sine remige portus,
terque quaterque manu pectus percussa decorum
flaventisque abscissa comas ‘pro Iuppiter. ibit
hic,’ ait ‘et nostris inluserit advena regnis?
non arma expedient totaque ex urbe sequentur,
diripientque rates alii navalibus? ite,
ferte citi flammas, date tela, impellite remos.
quid loquor? aut ubi sum? quae mentem insania mutat?
infelix Dido, nunc te facta impia tangunt?
tum decuit, cum sceptra dabas. en dextra fidesque,
quem secum patrios aiunt portare penatis,
quem subiisse umeris confectum aetate parentem.
non potui abreptum divellere corpus et undis
spargere? non socios, non ipsum absumere ferro
Ascanium patriisque epulandum ponere mensis?
verum anceps pugnae fuerat fortuna. fuisset:
quem metui moritura? faces in castra tulissem
implessemque foros flammis natumque patremque
cum genere exstinxem, memet super ipsa dedissem.
Sol, qui terrarum flammis opera omnia lustras,
tuque harum interpres curarum et conscia Iuno,
nocturnisque Hecate triviis ululata per urbes
et Dirae ultrices et di morientis Elissae,
accipite haec, meritumque malis advertite numen
et nostras audite preces. si tangere portus
infandum caput ac terris adnare necesse est,
et sic fata Iovis poscunt, hic terminus haeret,
at bello audacis populi vexatus et armis,
finibus extorris, complexu avulsus Iuli
auxilium imploret videatque indigna suorum
funera; nec, cum se sub leges pacis iniquae
tradiderit, regno aut optata luce fruatur,
sed cadat ante diem mediaque inhumatus harena.
haec precor, hanc vocem extremam cum sanguine fundo.
tum vos, o Tyrii, stirpem et genus omne futurum
exercete odiis, cinerique haec mittite nostro
munera. nullus amor populis nec foedera sunto.
exoriare aliquis nostris ex ossibus ultor
qui face Dardanios ferroque sequare colonos,
nunc, olim, quocumque dabunt se tempore vires.
litora litoribus contraria, fluctibus undas polipt
imprecor, arma armis: pugnent ipsique nepotesque.’
Haec ait, et partis animum versabat in omnis,
invisam quaerens quam primum abrumpere lucem.
tum breviter Barcen nutricem adfata Sychaei,
namque suam patria antiqua cinis ater habebat:
‘Annam, cara mihi nutrix, huc siste sororem:
dic corpus properet fluviali spargere lympha,
et pecudes secum et monstrata piacula ducat.
sic veniat, tuque ipsa pia tege tempora vitta.
sacra Iovi Stygio, quae rite incepta paravi,
perficere est animus finemque imponere curis
Dardaniique rogum capitis permittere flammae.’
sic ait. illa gradum studio celebrabat anili.
at trepida et coeptis immanibus effera Dido
sanguineam volvens aciem, maculisque trementis
interfusa genas et pallida morte futura,
interiora domus inrumpit limina et altos
conscendit furibunda rogos ensemque recludit
Dardanium, non hos quaesitum munus in usus.
hic, postquam Iliacas vestis notumque cubile
conspexit, paulum lacrimis et mente morata
incubuitque toro dixitque novissima verba:
‘dulces exuviae, dum fata deusque sinebat,
accipite hanc animam meque his exsolvite curis.
vixi et quem dederat cursum Fortuna peregi,
et nunc magna mei sub terras ibit imago.
urbem praeclaram statui, mea moenia vidi,
ulta virum poenas inimico a fratre recepi,
felix, heu nimium felix, si litora tantum
numquam Dardaniae tetigissent nostra carinae.’
dixit, et os impressa toro ‘moriemur inultae,
sed moriamur’ ait. ‘sic, sic iuvat ire sub umbras.
hauriat hunc oculis ignem crudelis ab alto
Dardanus, et nostrae secum ferat omina mortis.’
dixerat, atque illam media inter talia ferro
conlapsam aspiciunt comites, ensemque cruore
spumantem sparsasque manus. it clamor ad alta
atria: concussam bacchatur Fama per urbem.
Llamentis gemituque et femineo ululatu
tecta fremunt, resonat magnis plangoribus aether,
non aliter quam si immissis ruat hostibus omnis
Karthago aut antiqua Tyros, flammaeque furentes
culmina perque hominum volvantur perque deorum.
audiit exanimis trepidoque exterrita cursu
unguibus ora soror foedans et pectora pugnis
per medios ruit, ac morientem nomine clamat:
‘hoc illud, germana, fuit? me fraude petebas?
hoc rogus iste mihi, hoc ignes araeque parabant?
quid primum deserta querar? comitemne sororem
sprevisti moriens? eadem me ad fata vocasses,
idem ambas ferro dolor atque eadem hora tulisset.
his etiam struxi manibus patriosque vocavi
voce deos, sic te ut posita, crudelis, abessem?
exstinxti te meque, soror, populumque patresque
Sidonios urbemque tuam. date, vulnera lymphis
abluam et, extremus si quis super halitus errat,
ore legam.’ sic fata gradus evaserat altos,
semianimemque sinu germanam amplexa fovebat
cum gemitu atque atros siccabat veste cruores.
illa gravis oculos conata attollere rursus
deficit; infixum stridit sub pectore vulnus.
ter sese attollens cubitoque adnixa levavit,
ter revoluta toro est oculisque errantibus alto
quaesivit caelo lucem ingemuitque reperta.
Tum Iuno omnipotens longum miserata dolorem
difficilisque obitus Irim demisit Olympo
quae luctantem animam nexosque resolveret artus.
nam quia nec fato merita nec morte peribat,
sed misera ante diem subitoque accensa furore,
nondum illi flavum Proserpina vertice crinem
abstulerat Stygioque caput damnaverat Orco.
ergo Iris croceis per caelum roscida pennis
mille trahens varios adverso sole colores
devolat et supra caput astitit. ‘hunc ego Diti
sacrum iussa fero teque isto corpore solvo’:
sic ait et dextra crinem secat, omnis et una
dilapsus calor atque in ventos vita recessit.

DIDONE E LA CARA SORELLA ANNA ( 4. 1 – 53)
Ma la regina ormai ferita da grave affanno
alimenta nelle vene la ferita ed è rosa da cieco fuoco.
Ricorre nel cuore il forte eroismo dell’eroe ed il forte
onore della stirpe; s’attaccan fisse alla mente le fattezze
e le parole nè l’affanno dà alle membra placida quiete.
L’aurora seguente colla lampada febea illuminava
le terre e dal cielo aveva cacciato l’umida ombra,
quando impazzita così parrla alla sorella amatissima:
“Anna, sorella, che incubi mi atterriscono ansiosa.
Che ospite strano, questo, ( che) è giunto alla nostra
casa, presentandosì come d’aspetto, di così forte petto
e di armi. Lo credo davvero, non è vana certezza che è stirpe di dei. La paura rivela i cuori vili. Ah, da quali
fati egli è sbattuto. Che guerre compiute raccontava.
Se non mi stesse fisso ed immobile in cuore
di non volermi unire a nessuno col vincolo cinuigale,
dopo che il primo amore mi lasciò tradita con la morte;
se non avessi disgusto per il rito di nozze,
forse avrei potuto cedere a quest’unica colpa.
Anna, lo confesserò, dopo i destini del povero marito
Sicheo ed i penati dispersi dalla strage del fratello
solo costui piegò i sentimenti e scosse il cuore
che vacilla. Conosco i segni della antica fiamma.
Ma per me vorrei o che prima la terra si spalanchi infima
o il oadreonnipotente mi cacci col fulmine alle ombre,
le pallide ombre nellErebo e la notte profonda,
prima che violi, Pudore, o dissolva le tue leggi.
Lui i miei amori, lui che per primo a sé mi unì,
prese; lui li tenga con sé e li serbi nel sepolcro”
Espressasi così, riempì il seno di lacrime dirotte.
Anna riprende:”Oh più cara della luce, per tua sorella,
forse sola soffrendo sarai divorata per tutta la giovinezza
né conoscerai i dolci figli ed i regali di Venere?
Credi che questo ami la cenere ed i mani sepolti?
Sia: un tempo nessun marito piegò l’addolorata,
non in Libia, non prima a Tiro: Iarba respinto
e gli altri principi, che l’Africa, terra ricca di trionfi,
alimenta: forse contrasterai ad un amore gradito?
Né viene in mente nei campi di chi dimori?
Di qui città getule, stirpe insuperabile in guerra,
ti cingono e indomiti Numidi e la Sirte inospitale;
di là una regione deserta per sete ed i furibondi
Barcei. Perché nominare le guerre nascenti da Tiro
e le minacce del fratello?
Certamente con gli dei favorevoli e Giunone concorde
credo che le navi di Ilio col venti ha tenuto questa rotta. Quale città, sorella, tu vedrai sorgere, questa, e che regni
con tale unione! Alleandosi le armi dei Teucri,
la gloria Punica a quali imprese si innalzerà!
Tu intanto chiedi aiuto agli dei, celebrati i sacrifici,
accorda l’ospitalità ed inventa motivi per fermarsi,
mentre sul mare infuria l’inverno ed il piovoso Orione,
e le navi sconquassate, mentre il clima è intrattabile.”

L’AMORE DI DIDONE ( 4. 54 -89)
Con tali parole infiammò l’animo di intenso amore
e diese speranza al cuore dubbioso e dissolse il pudore.
Prima visitano i templi ed implorano pace
attorno agli altari; sacrifican pecore scelte di rito
per Cerere legislatrice e per Febo e per ilpadre Lieo,
per Giunone fratutti, cui stanno acuore i vincoli coniugali.
Lei, la bellissima Didone, tenendola con la destra, versa
la coppa tra le corna d’una candida vacca,
o presso le statue degli dei si aggira tra carichi altari,
ed inizia il giorno con doni, e nei petti squarciati
degli animali, ansiosa consulta le viscere palpitanti.
Ahi, mente ignara degli indovini! A che giovano i voti
ad una folle, a che i templi?La fiamma divora le molli midolla
intanto e tacita vive sotto il petto la ferita.
Si brucia l’infelice Didone e vaga pazza
per tutta la città, quale cerbiatta colpita da freccia,
che da lontano un pastore, ignaro, cacciando con armi,
incauta trafisse tra i boschi cretesi e lasciò il ferro
alato: ella in fuga percorre le selve e le gole
dittee; la punta letale aderisce nel fianco.
Ora conduce Enea con sé in mezzo alle mura
ed ostenta i beni sidonii e la città pronta,
inizia a dire e si blocca in mezzo alla frase;
ora tramontando il giorno chiede uguali conviti,
e di nuovo invoca di ascoltare, pazza, i dolori di Ilio
e di nuovo pende dalla bocca del narratore.
Poi quando, divisi, anche la luna oscurata a sua volta
copre la luce e le stelle tramontando invitano ai sogni,
sola geme nella vuota reggia e sui tappeti abbandonati
si sdraia. Pur lontana, lui lontano lo ode e lo vede,
o trattiene Ascanio in grembo, presa dall’immagine
del padre, se mai potesse ingannare l’indicibile amore.
Le torri iniziate non s’alzano, la gioventù non s’allena
alle armi o non preparano i porti le difese sicure
per la guerra: pendono le opere interrotte e minacce
ingenti di muri ed una macchina eguagliata al cielo.

PATTO TRA GIUNONE E VENERE (4. 90 -128)
Ma appena s’accorse la cara consorte di Giove che ella era posseduta da tale peste e l’onore non bloccava la follia,
la Saturnia affronta Venere con tali parole:
“Davvero enorme gloria e ricchi bottini riportate
sia tu che il tuo fanciullo, grande e momorabile potenza,
se una donna, da sola fu vinta dall’inganno di due dei!
Né proprio mi inganno che tu temendo le nostre mura
Abbia stimato sospette le case della grande Cartagine.
Ma quale sarà la regola o dove adesso, con sì grave rivalità?
Perché piuttosto non concludiamo eterna pace e nozze
pattuite?Hai ciò che con tutto il cuore cercasti:
Brucia Didone amante ed ha tirato la follia fin al midollo.
Guidiamo dunque questo comune popolo con uguali
protezioni; possa servire a marito frigio
e affidare alla tua destra i Tirii in dote.”
Capì che le aveva parlato con mente ipocrita,
per volgere il regno d’Italia alle spiagge libiche,
così di rimando Venere rispose: ” Chi pazza rifiuterebbe
tali cose o preferirebbe contendere in guerra con te?
Purchè la sorte favorisca l’evento che tu ricordi.
Ma son mossa incerta per i fati, se Giove voglia che ci sia
una sola città per i Tirii e gli esuli da Troia,
o approvi che i popoli si mischino o uniscano alleanze.
Tu da consorte, per te è possibile prgando tentarne il cuore.
Va’ avanti, seguirò”.Allora così riprese la regale Giunone:
“Per me sarà questo impegno. Ora in che modo si possa
concludere quello che incombe, acolta, ti insegnerò.
Enea e insieme l’infelicissima Didone si preparano ad andare
a caccia nel bosco, quando il Sole di domani alzerà
i primi inizi e ricoprirà di raggi il mondo.
Su di essi io dall’alto rovescerò una oscurante nube,
con mista grandine, mentre i battitori s’affannano e cingon
le gole con la rete e muoverò tutto il cielo col tuono.
Scapperanno i compagni e saran coperti di opaca notte:
Didone ed il capo troiano giungeranno alla stessa
spelonca. Presenzierò, e se la tua volontà mi è garantita,
li uniro si stabile unione e la dichiarerò sua.
Qui ci sarà Imeneo.” Senza opporsi alla richiedente
annuì e Citerea rise per gli inganni inventati.

LA CACCIA INSIDIOSA ( 4. 129 – 159)
Intanto Aurora alzandosi lasciò Oceano.
La gioventù scelta, spuntato il raggio, esce dalle porte.
Reti rade, lacci, spiedi da caccia ddi ferro largo,
cavalieri massili e l’irruenza fiutante dei cani irrompono.
I caoi dei Fenici aspettano sulle soglie la regina che si attarda
in camera, bello di porpora e d’oro sta lo scalpitante
e morde fiero i morsi spumegganti.
Finalmente avanza, accalcandosi una grande schiera,
avvolta in clamide sidonia con orlo ricamato;
ha una faretra d’oro, i capelli si annodan nell’oro,
una fibbia d’oro allaccia la veste purpurea.
Pure i compagni frigi ed il raggiante Iulo
avanzano. Lo stesso Enea il più bello di tutti gli altri
si offre come compagno ed unisce le schiere.
Quale Apollo quando lascia l’invernale Licia e le onde
di Xanto e rivede la materna Delo ed inizia
le danze, ed uniti Cretesi e Driopi ed i dipinti Agatirsi
s’agitano attorno agli altari;
egli avanza sui gioghi del Cinto e blocca la chioma fluente
con tenero ramo aggiustandola e l’annoda nell’oro,
le frecce risuonano sulle spalle: non più lento di lui
andava Enea, sì gran bellezza risalta sul nobile volto.
Come si giunse sugli alti monti e le impervie tane,
ecco selvatiche capre lanciate dalla cima della rupe
corsero giù dai gioghi; da un’altra parte i cervi
attraversano le piane aperte e formano colla fuga
schiere polverose e lasciano i monti.
Ma il piccolo Ascanio in mezzo alle valli gode
per il fiero cavallo ed ora sorpassa questi, ora quelli
al galoppo e brama con voti che si offra tra i timidi branchi
uno spumante cinghiale o che scenda dal monte un rosso leone.

LE NOZZE SEGRETE ( 4.160- 197)
Intanto il cielo comincia turbarsi con un gran
brontolìo, avanza una nube con mista grandine,
ed i compagni tirii e la gioventù troiana ed il dardanio
nipote di Venere dappertutto con paura per i campi
cercarono diversi ripari; torrenti corron dai monti.
Alla stessa spelonca giungono Didone ed il capo
troiano. Sia la Terra per prima sia Giunone pronuba
danno il segnale; rifulsero vampe e l’etere complice
nell’unione e le Ninfe ulularon sulla cime del monte.
Quel giorno fu il primo della morte e per primo fu
la causa dei mali; infatti non è distolta da decoro
o fama Didone, né medita un amore furtivo:
lo chiama connubio, con tal nome nascose la colpa.
Subito Fama va per le grandi città di Libia,
Fama, male di cui nessun altro è più veloce:
si rafforza colla mobilità ed acquista forze andando,
piccola alla prima paura, poi s’innalza nell’aria,
ed avanza sul suolo, ma nasconde il capo tra le nubi.
La Madre Terra, irritata dall’ira degli dei,
la generò, come raccontano, ultima sorella di Ceo
ed Encelado, veloce a piedi e con ali infaticabili,
mosro orrendo, enorme, quante ha penne nel corpo,
tanti sotto sono gli occhi vigili, mirabile a dirsi,
tante le lingue, altrettante bocche risuonano,tante orecchie drizza.
Vola di notte nel mezzo di cielo e terra nell’ombra
stridendo, né abbassa gli occhi nel dolce sonno;
con la luce sta sentinella o in cima alla sommità del tetto
o sull’alte torri, e terrorizza le grandi città,
tenace portatrice di falso e di male che di vero.
Costei allora riempiva i popoli di molteplice chiacchiera
godendo e parimenti decantava cose fatte e non fatte:
esser giunto Enea, nato da sangue troiano,
cui la bella Didone si degna di unirsi come a marito;
ora durante l’inverno, quanto è lungo, si tengon caldi nel lusso
imemori dei regni e rapiti da turpe passione.
Questo qua e là la sporca dea diffonde sulle bocche degli uomini.
Poi storce i passi verso il re Iarba
gli incendia cil cuore con le dicerie ed accumula le ire.

IL RE IARBA SDEGNATO (4.198-218)
Questi nato da Ammone e dalla ninfa rapita Garamantide
creò per Giove cento immensi templi nei vasti regni,
cento altari e aveva dedicato il fuoco vigile,
eterne guardie degli dei, un suolo ricco di sangue
di mandrie ed ingressi fiorenti di varie ghirlande.
E lui pazzo in cuore e accesso dall’amara diceria,
si dice, avesse pregato molto Giove supplicando con mani alzate
davanti agli altari in mezzo alle immagini degli dei:
Giove onnipotente, cui ora il popolo marusio
banchettando su ricamati letti liba l’offerta lenea,
vedi questo? Forse, padre, quando lanci i fulmini, invano
ti temiamo, vampe cieche tra le nubi
atterriscono gli animi producono vuoti mormorii?
Una donna, che errando creò nei nostri paesi una piccola
città col danaro, cui concedemmo il litorale da arare,
cui pure le leggi del luogo, respinse le nostre nozze
ed accolse come signore Enea nei regni.
Ed ora quel Paride con un codazzo effeminato,
allacciando il mento e la chioma fradicia con mitra
meonia, è padrone del furto: noi davvero ai tuoi templi
portiamo doni e nutriamo un culto vuoto?”

ORDINI DI GIOVE AD ENEA (4.219 -295)
Lo sentì che pregava con tali parole e tenendo
gli altari l’Onnipotente, storse gli occhi alle mura regali
ed agli amanti dimentichi di fama migliore.
Allora così parla a Mercurio e questo gli affida:
“Su, va’, figlio, chiama gli Zefiri e scendi a volo
e parla al capo dardanio, che ora aspetta nella tiria
Cartagine e non guarda alle città concesse dai fati
e riferisci veloce le mie parole nel cielo.
Non ce lo promise tale la bellissima madre
e lo protegge perciò due volte dall’armi dei Grai;
ma che guidasse l’Italia gravida di potenze e fremente
di guerra, che propagasse la stirpe dal grande sangue
di Teucro e mettesse sotto leggi il mondo intero.
Se nessuna gloriadi sì grandi imprese lo accende
né lui si smuove all’impegno per il suo onore,
come padre invidia forse ad Ascanio le rocche romane?
Che combina? O con quale mira si ferma tra gente nemica
e non guarda alla prole ausonia ed ai campi di Lavinio?
Navighi! Questa è la conclusione, questo sia il nostro avviso”.
Aveva sentenziato. Egli si preparava ad ubidire all’ordine
del gran padre; e prima si allaccia i calzari d’oro ai piedi,
che lo portano altissimo con le ali sia sopra le acque
e la terra ugualmente con veloce soffio.
Allora prende la verga: con questa egli richiama le anime
pallide dall’Orco, altre le invia sotto i tristi Tartari,
dà i sonni e li toglie, e libera gli occhi dalla morte.
Munendosi di essa spinge i venti e trapassa le torbide
nuvole. Ormai volando vede la vetta ed i fianchi ripidi
del duro Atlante che regge col capo il cielo,
di Atlante, cui la testa ricca di pini frequentemente
è cinta di nere nubi ed è battuta da vento e da pioggia,
la neve scesa copre le spalle, poi fiumi precipitano dal mento
del vecchio e l’ispida barba s’irrigidisce pel ghiaccio.
Qui dapprima il Cillenio splendente si fermò con l’ali
appaiate; di qui con tutto il corpo si lanciò capofitto nell’onde
simile ad uccello, che attorno alle spiagge, attorno
ai pescosi scogli vola basso vicino alle acque.
Non diversamente volava tra cielo e terra
verso il lido sabbioso di Libia, e la prole cillenia
provenendo dall’avomaterno tagliava i vemti.
Appena con le piante alate toccò i sobborghi,
vede Enea che fonda le rocche e crea nuove case.
Egli aveva pure una spada costellata di rosso
diaspro ed un mantello di porpora tiria,che scendeva
dalle spalle, splendeva: questo dono l’aveva fatto
la ricca Didone e l’aveva trapuntato la stoffa d’oro sottile.
Subito l’assale: ” Tu adesso poni le fondamenta della grande
Cartagine e ligio alla moglie costruisci una bella città.
Ahimè, dimentico del regno e delle tue imprese.
Lo stesso re degli dei mi invia dallo splendido
Olimpo, lui che con potenza volge cielo e terra,
lui ordina di recare questi ordini nei cieli veloci:
cosa combini? O con che speranza rovini il tempo in terre libiche?
Se non ti smuove nessuna fama di tante imprese
né tu affronti l’impegno per la tua gloria,
guarda ad Ascanio che cresce ed alle speranze dell’erede
Iulo, cui è dovuto il regno d’Italia e la terra
Romana.” Dpo aver parlato con tale espressione il Cillenio
lasciò le sembianze mortali nel mezzo del discorso
e disparve dagli occhi nell’aria leggera.
Ma Enea davvero alla vista ammutolì, fuor di sé,
e le chiome dritte e la voce s’attaccò alle fauci.
Brucia di andarsene in fuga e lasciare le dolci terre,
attonito per sì grande monito e ordinedegli dei.
Ahi, che fare? Con quale parola osare avvicinare
la regina impazzita? Quali iniziative prender per prime?
Ed ora divide la mente veloce ora qui ora là
la strappa in vari pezzi e si volge dappertutto.
A lui altalenante questo parere parve migliore:
chiama Mnesteo e Sergesto ed il forte Seresto,
zitti allestiscan la flotta e spingan ai lidi i compagni,
preparino armi e dissimulino quale sia la causa
per cambiare i piani; lui intanto, poiché l’ottima Didone
non sa e non spera che siì grandi amori si spezzino,
tenterà le strade ed i momenti più teneri
di parlare, quale sia il modo adatto alle cose. Subito tutti
lieti obbediscano all’ordine ed eseguono i comandi.

LAMENTO DI DIDONE (4.296 -330)
Ma la regina (chi potrebbe ingannare un amante?)
presentì, per prima colse i movimenti futuri
temendo ogni sicurezza. La stessa empia Fama riferì
a lei impazzita, che si allestiva la flotta e si preparava la rotta.
Impazza annichilita nel cuore e furiosa per la città
smania come baccante, come Tiade scossa, iniziati i riti,
quando udito Bacco, le orge triennali la stimolano
ed il notturno Citerone la chiama col frastuono.
Infine spontaneamente affronta Enea con queste frasi:
“Sperasti pure poter dissimulare, perfido, sì gran
sacrilegio e zitto allontanarti dalla mia terra?
Né ti trattiene il nostro amore né la destra data un giorno
né una Didone desinata amorre di morte crudele?
Anzi anche con stella invernale allestisci la flotta
e ti affrettia ad andare al largo in mezzo agli Aquiloni,
crudele? Che? Se non cercassi campi stranieri e
case ignote e restasse l’antica Troia, Trioa sarebbe
cercata con flotte per il mare ondoso?
Forse fuggi me? Io per queste lacrime e la tua destra te,
poiché io stessa non lasciai null’altro a me misera,
per i nostri vincoli, per le nozze incominciate,
se per te meritai bene qualcosa, o per te ci fu qualche
mia tenerezza, abbi pietà d’una casa che crolla e cancella,
ti prego, se ancora c’è un posto per le preghiere, questa idea.
A causa di te i popoli libici ed i tiranni dei Nomadi
mi odiano, contrari i Tirii; proprio a causa di te
fu estinto il pudore ela fama per prima, per la quale io sola
salivo alle stelle. A chi mi abbandoni moribonda, ospite,
solo questo nome da un marito mi resta?
Che aspetto? Forse fin che il fratello Pigmalione distrugga
le mie mura o il getulo Iarba mi porti prigioniera?
Almeno se prima della fuga mi fosse nato da te
un figlio, se un piccolo Enea mi giocasse
nella reggia, che ti richiamasse col volto,
nom mi sembrerei del tutto delusa e abbandonata”

LA RISPOSTA DI ENEA(4.331- 361)
Aveva detto. Egli teneva gli occhi immobili agli ordini
di Giove e sforzandosi premeva il dolore dentro il cuore.
Finalmente proferisce poche cose: “Io mai negherò che tu
hai meriti, i maggiori che parlando sei in grado di enumerare,
o regina, né mi rincrescerà ricordarmi di Elissa, fin che io stesso
sia memore di me, fin che lo spirito regga queste membra.
Per il fatto dirò poco. Né io sperai nasconder con frode
questa fuga, non credere, né mai ho alzato fiaccole
di marito o venni a tali patti.
Io se i fati permettessero di condurre la vita secondo miei
desideri e e calmare gli affanni di mia scelta,
anzitutto onorerei la città troiana ed i dolci resti dei miei,
si manterrebbero le alte regge di Priamo, e con mano
ostinata avrei rifatto Pergamo per i vinti.
Ma ora Apollo grineo e gli oracoli dei Licia mi han
comandato di raggiungere Italia;
questo il mio amore, questa è la mia patria. Se le rocche
di Cartagine e la vista d’una città libica trattiene te, Fenicia,
quale invidia c’è che finalmente i Teucri si fermino su terra
ausonia? E’ fato che anche noi cerchiamo regni stranieri.
Me terrorizza la sconvolta immagine del padre Anchise e mi ammonisce in sogno, quando, piovendo le ombre,
la notte ricopre le terre, quando gli astri ignei sorgono;
Me, pure, i piccolo Ascanio ed il torto del caro volto
che defraudo del regno d’Esperia e dei campi fatali.
Ora anche l’interprete degli dei mandato dallo stesso Giove,
lo giuro sul capo d’entrambi, inviò ordini attraverso i cieli
veloci: io stesso vidi il dio in chiara visione che penetrava
le mura e ne assorbii la voce con queste orecchie.
Smetti di incendiare me e te coi tuoi pianti;
l’Italia la inseguo non spontaneamente.”

DISPERAZIONE DI DIDONE ( 4. 362 -392)
Girata ormai lo guarda dir tali cose
girando qua e là con gli occhi e tutto lo squadra
con sguardi muti e così accesa prorompe:
“Né una dea ti fu genitrice né Dardano capostipite,
perfido, ma ti generò da duri macigni l’orrendo
Caucaso e tigri ircane offriron le mammelle.
Ma che dissimulo o a quali cose maggiori mi riservo?
Forse che gemette al nostro pianto? Forse chinò gli sguardi?
Forse, vinto, versò lacrime o commiserò l’amante?
Cosa opporrò acosa? Ormai neppure la massima Giunone
né il padre saturnio guarda questo con occhi giusti.
In nessun luogo lealtà sicura. L’ho accolto buttato sul lido,
bisognoso ed io pazza lo misi a parte del regno.
Riportai la flotta perduta ed i compagni da morte.
Ahi, incendiata dalle furie son portata..: ora Apollo augure,
ora i responsi di Licia, ora anche l’interprete degli dei
mandato dallo stesso Giove porta per i cieli i comandi.
Senz’altro questa è la pena per i celesti, tale affanno affatica
i tranquilli. Né ti trattengo né ribatto le parole:
Va, insegui coi venti l’Italia, cerca regni attraverso le onde.
Spero davvero che in mezzo a scogli, se le pie preghiere
posson qualcosa, berrai i supplizi e spesso chiamerai per nome “Didone!”. Assente t’inseguirò con neri fuochi
e, quando la morte separerà le membra dall’anima,
io, ombra sarò in tutti i luoghi. Pagherai, malvagio, il fio.
Sentirò anche sotto i profondi Mani verrà tale notizia”.
Con queste parole ruppe a metà il discorso ed i cieli
fugge, malata, e si fira e si toglie dagli occhi,
lasciandolo molto tentennante di paura e preparandosi a dire
molto: la sorreggono le ancelle e riportano le membra crollate
sul letto di marmo e le ripongono sui cuscini.

PREPARATIVI PER LA PARTENZA (4. 393 – 407)
Ma il pio Enea, benchè brami lenire la dolente
consolandola e allontanare con parole gli affanni,
molto gemendo travolto nell’animo dal grande amore
esegue tuttavia i comandi degli dei e rivisita la flotta.
Allora davvero i Teucri lavorano e portan le alte navi
su tutto il lido. Galleggia la carena unta,
e portano remi frondosi dai boschi e tavole
non lavorateper la smania di fuga.
Li vedresti migrare e correre da tutta la città:
e come quando le formiche saccheggiano un gran mucchio
di farro memori dell’inverno e lo ripongono in casa,
va per i campi la nera schiera e trascinano la preda tra l’erbe
per angusto sentiero; parte spingono enormi grani
portandoli sulle spalle, parte spingono le schiere
e sgridano le pigre, tutta la strada ferve di lavoro.

ULTIMO TENTATIVO DI DIDONE ( 4.408- 454)
Quale sensazione allora per te, Didone, che osservavi tali cose
che gemiti mandavi, spiando dall’alto della rocca attorno
animarsi i lidi e vedendo davanti agli occhi
tutto il mare sconvolgersi di così alte grida.
Malvagio Amore, a cosa non spingi i cuori mortali?
Ancora è costretta a gettarsi in lacrime, ancora a tentare
supplice, pregando, di soggiogare all’amore i sentimenti,
per non lasciare invano qualcosa destinata a morire.
“Anna, vedi che ci si affretta attorno a tutto il lido:
si son radunati da ogni parte; ormai la vela invoca i venti,
e allegri i marinai misero sulle poppe le corone.
Se io potei immaginare questo sì gran dolore,
sorella, potrò pure sopportarlo. Per me misera tuttavia,
Anna, esegui solo questo: quel perfido infatti te sola
onorava, a te pure affidava arcani sentimenti;
tu sola conoscevi le tenere vie ed i momenti dell’uomo.
Va, sorella, e supplice parla al superbo nemico:
non io giurai con i Danai di sterminare il popolo troiani
in Aulide o mandai a Pergamo la flotta,
né violai il cenere o i Mani del padre Anchise:
perché rifiuta di accogliere nelle dure orecchie i miei detti?
Dove scappa? Dia questo ultimo dono alla misera amante:
aspetti una fuga facile e venti che aiutano.
Non chiedo più l’antica unione, che tradì,
né che si privi del bel Lazio e abbandoni il regno.
Chiedo un tempo vuoto, quiete e spazio al furore,
fin che la mia sorte mi insegni a soffrire, vinta.
Questa ultima grazia prego, abbi pietà della sorella,
e se mela concederà la restituirò accresciuta dalla morte.”
Con tali parole pregava, e la miserrima sorella
porta e riporta tali pianti. Ma lui non è smosso da alcun
pianto o arrendevole ascolta alcuna espressione;
i fati lo vietanoed un dio chiude le calme orecchie dell’eroe.
E come quando le Bore alpine gareggiano tra loro a
sradicare una forte quercia di annosa forza con soffi
ora di qui ora di là; va lo stridore e le alte fronde
cospargono la terra, essendo scosso il tronco;
lei aderisce ai macigni e quanto colla cima tende
ai cieli, altrettanto con la ratice al Tartaro:
non diversamente l’eroe è colpito da una parte e dall’altra
da frasi continue, e nel gran petto recepisce gli affanni;
la mente resta immota, le lacrme scorrono inutili.

PRESAGI FUNESTI PER DIDONE ( 4.450- 473)
Allora davvero l’nfelice Didone, atterruta dai fati
prega la morte; l’infastidisce guardare la convessità del cielo.
Per concluder meglio il proposito e lasciare la luce,
vide, ponedo i doni sugli altari fumanti incenso,
(orribile a dirsi) annerirsi le sacre acque ed i vini
versati cambiarsi in lurido sangue.
A nessuno raccontò questa visione, neppure alla stessa sorella.
Ancora ci fu nella regga un tempio di marmo
del vecchio marito, che venerava con grande onore,
addobbato di nivee lane e fronde festiva:
di qui sembrò si sentissero voci e parole del marito
che chiamava, mentre la notte copriva le terre,
ed unico il gufo dai tetti con canto funereo
spesso lamentarsi e volgere in pianto lunghi versi;
ed inioltre molte predizioni di antichi indovini
con terribile monito terrificano. Lo stesso Enea nei sogni
crudele tormenta la furiosa, sempre si vede sola,
abbandonata, sempre andare per una lunga via,
senza seguito, su terra deserta cercare i Tirii,
come Penteo, pazzo, vede mostrarsi le schiere
delle Eumenidi e doppio sole e doppia Tebe,
o come l’agamenninio Oreste spinto sulle scene,
quando fugge la madre armata di fiaccole e neri
serpenti e le Dire vendicatrici siedono sulla soglia.

PREPARAZIONE DELLA MORTE ( 4. 474 -503)
Perciò come accolse le furie, vinta dal dolore,
e decise di morire, lei stessa tra sé sceglie tempo
e modo, e rivolgendosi con parole alla mesta sorella
copre la decisione in volto ed in fronte rasserena speranza.
“Trovai, sorella, la via (tallegrati con la sorella),
che mi restituisca lui o da lui sciolga me che l’amo.
Vicino al confine dell’Oceano ed al sole cadente
c’è un luogo, l’ultimo degli Etiopi, dove il massimo Atlante
a spalla gira l’asse unito alle ardenti stelle:
Di qui mi fu mostrata una sacerdotessa del popolo massilo,
custode del tempio delle Esperidi, che dava cibo al drago
e conservava sacri rami su di una pianta,
spargendo umidi mieli e soporifero papavero.
Costei promette con canti di sciogliere le menti,
che vuole, anzi di mandare ad altri i duri affanni,
fermar l’acque nei fiumi e volgere indietro le stelle,
e muove i Mani notturni: vedrai muggire la terra
sotto i piedi e gli orni scendere dai monti.
Giuro, cara, per gli dei e per te, sorella, e la tua
dolce persona, che contro voglia mi accingo ad arti magiche.
Tu innalza silenziosa nell’interno della casa un rogo
sotto i cieli e le armi dell’uomo, che lasciò fisse sul letto,
l’empio, e tutte le spoglie ed il letto coniugale,
per cui morii, metti sopra: piace cancellare tutti
i ricordi dell’uomo nefando e lo dichiara la sacerdotessa”
Ciò detto, tace, intanto il pallore occupa il volto.
Tuttavia Anna non crede nasconda coi riti strani
la morte, né con la mente concepisce sì grandi pazzie
o teme cose più gravi della morte di Sicheo.
Perciò esegue gli ordini.

RITI SEGRETI E MAGIA (4. 504 -521)
Ma la regina, eretto il grande rogo nella parte interna
sotto i cieli con rami di pino e leccio tagliato,
riveste il luogo di ghirlande e l’incorona di fronda
funerea; pone sul letto le spoglie e la spada lasciata
l’effigie non ignara del futuro.
Gli altari stanno attorno e la sacerdotessa, sciolta i capelli,
trecento volte grida gli dei, Erebo e Caos
e la triplice Ecate, i tre volti della vergine Diana.
Aveva pure sparso le acque simulate della fonte d’Averno,
si cercano erbe rigonfie con latte di nero veleno
mietute sotto la luna con falci di bronzo ;
si cerca anche l’amore strappato dalla fronte d’un cavallo
nascente rubato alla madre.
Lei stessa con ffarina e mani pie presso gli altari,
toltasi un piede dai calzari in veste discinta,
destinata amorire invoca gli dei e le stelle consce
del fato; poi se c’è una qualche potenza, giusta e benevola,
ha a cuore gli amanti con sorte ingiusta, la prega.

L’ULTIMA VEGLIA DI DIDONE (4.522 – 552)
Era notte ed i corpi stanchi prendevan placido riposo
sulle terre, le selve ed i mari crudeli eran quieti,
quando le stelle volgono a metà del giro,
quando ogni campo tace, le mandrie e gli uccelli variopinti,
che occupano attorno i limpidi laghi e campagne aspre
di spini, riposti nel sonno sotto notte silenziosa.
[addolcivano gli affanni ed i cuori dimentichi delle fatiche]
ma non la Fenicia infelice nel cuore, né mai
si scioglie nel sonno o coglie negli occhi e nel cuore
la notte: si raddoppiano gli affanni e di nuovo risorgenso
incrudelisce amore e vacilla nella gran vampa delle ire.
Così di più insiste e tra sé così medita in cuore:
” Ecco, che faccio? Forse di nuovo derisa affronterò
i vecchi pretendenti, supplice cercherò le nozze dei Nomadi,
quei mariti che ormai tante volte ho sdegnato?
Inseguirò dunque le flotte iliache e gli ultimi ordini
dei Teucri? Forse perché serve sian stati prima alleviato da
aiuto e sta bene la riconoscenza presso i memori d’un vecchio fatto?
Chi poi, ammetti di volerlo, permetterà o accoglirà me odiata
sulle superbe barche? Ahimè, non sai, disperata e non capisci
i tradimenti del popolo laomedonteo?
Chè dunque? Da sola in fuga accompagnerò marinai festanti?
O attorniata dai Tirri e da ogni schiera dei miei
mi trascinerò e, qelli che a stento portai dalla città sidonia,
di nuovo porterò per il mare e ordinerò di dare la vele ai venti?
Muori piuttosto come hai meritato, cancella con la spada il dolore.
Tu vinta dalle mie lacrime, sorella, tu per prima mi aggravi
di questi mali e butti me pazza davanti al nemico.
Non fu lecito passar la vita priva di nozze senza colpa
come una fiera, e non toccare tali affanni;
non fu salvata la fede promessa alla cenere di Sicheo”.

IMPROVVISA PARTENZA DI ENEA ( 4. 553- 583)
Ella prorompeva dal suo cuore così grandi lamenti:
Enea sull’alta poppa ormai sicuro di andare
prendeva sonno, già ben preparate le cose.
A lui si offrì nei sogni l’immagine del dio che tornava
con lo stesso volto e di nuovo parve ammonire così:
in tutto simile a Mercurio, e voce e colore
e biondi capelli e membra belle di giovinezza:
“Figlio di dea, puoi continuare il sonno in questa situazione,
né vedi quali pericoli poi stiano attorno a te,
pazzo, né senti gli Zefiri spirare favorevoli?
Lei macchina tranelli incuore e crudele delitto,
sicura di morire, ed eccita varie tempeste di ire.
Non fuggi di qui di fretta, mentre c’è possibilità di affrettarsi?
Ormai vedrai il mare scuotersi di legni e brillare fiamme
crudeli, ormai i lidi ribollire di fiamme, se Aurora
ti coglierà ad indugiare su queste terre
Orsù vai, rompi gli indugi. E’ sempre un essere vario e mutevole
la donna”. Detto così, si confuse nella nera notte.
Allora Enea atterrito dalle ombre improvvise
strappa il corpo dal sonno e sprona i compagni
rapidi: “Vigilate, uomini, e sedete ai remi;
svelti sciogliete le vele. Un dio inviato dall’alto cielo
ecco di nuovo ci stimola ad affrettare la fuga
e taglaire le corde attorcigliate. Ti seguiamo, santo tra gli dei,
chiunque sia, e di nuovo festanti obbediamo al comando.
Oh, assistici, aiutaci benevolo e porta dal cielo
stelle propizie.” Disse ed estrae dal fodero la spada
fulminea e, impugnata l’arma, taglia gli ormeggi.
Insieme lo stesso ardore prende tutti, si buttano e corrono;
lasciarono i lidi, il mare è nascosto sotto le flotte,
sforzandosi taglian le spume e spazzan l’azzurro.

PAROLE DI MALEDIZIONE CONTRO ENEA (4.584- 629)
E gia la prima Aurora lasciando giaciglio di croco
di Titone spruzzava le terre di nuova luce.
La regina dalle vedette come vide biancheggiare la prima
luce e la flotta procedere a vele spiegate,
e s’accorse dei lidi e dei porti vuoti senza un rematore,
percuotendo il bel petto con la mano e tre e quattro volte
e sciolta nelle biondeggianti chiome ” Oh Giove. Andrà
costui, dice, e lo straniero si befferà dei nostri regni?
Gli altri non prenderanno le armi e inseguiranno da tutta la città
e strapperanno le barche dagli arsenali? Andate,
rapidi portate fiamme, date armi, spingete i remi.
Che dico? O dove sono? Che pazzia cambia lla mente?
Infelice Didone, ora fatti sacrileghi ti colpiscono?
Allora andò bene, quando davi lo scettro. Ecco destra e lealtà,
quello che dicono portare con sé i sacri penati,
che dicono aver sostenuto sulle spalle il padre logorato dall’età.
Non ho potuto strappare il corpo maciullato e spargerlo
sulle onde? Non branare i compagni, lo stesso Ascanio
con la spada e metterlo da mangiare sulle mense paterne?
Davvero era dubbia la sorte della battaglia. Lo fosse stata:
chi temetti, destinata a morire? Avrei portato le fiamme nell’accampamento, riempito di fuochi le tolde, estinto
il figlio ed il padre con la stirpe, e posto me stessa su quelli.
Sole, che illumini di raggi tutte le opere delle terre,
tu pure mediatrice e consapevole di questi affanni,
Ecate ululata nelle città nei trivi notturni
e Dire vendicatrici e dei della morente Elissa,
accettate questo, volgete ai malvagi la giusta vendetta
e ascoltate le nostre preghiere. Se è necessario cle l’infame
persona tocchi i porti e navighi su terre
e così chiedono i fati di Giove, questo traguardo è fisso,
però oppresso dalla guerra d’un popolo fiero e dalle armi,
esule dai territori, strappato dall’abbraccio di Iulo
implori aiuto e veda le indegne morti dei suoi;
né, consegnatosi sotto leggi di iniqua pace, goda
del regno o della luce desiderata, ma cada
prima del tempo ed insepolto in mezzo alla sabbia.
Questo prego, verso questa ultima frase col sangue.
Poi, voi, o Tirii, trattate con odio la stirpe e tutto
il popolo futuro, ed inviate alla nostra cenere questi
regali. Per i popoli non ci siano alcun amore e patti.
Sorgi tu, un vendicatore, dalle nostre ossa
sì, insegui i coloni dardanii col ferro e col fuoco,
ora, dopo, in qualunque tempo si daranno le forze.
Prego lidi opposti a lidi, onde a flutti,
armi ad armi: combattano sia loro, sia i nipoti.”

MORTE DELLA REGINA DIDONE ( 4.630-666)
Questo disse, e volgeva la mente in tutte le parti,
cercando troncare l’odiata luce al più presto.
Poi brevemente si rivolse a Barce, nutrice di Sicheo,
(infatti la nera cenere teneva la sua nell’antica patria):
” Nutrice a me cara, chiama qui la sorella Anna:
di’ che s’affretti a cospargersi il corpo di acqua fluviale,
e porti con sé gli animali ed i sacrifici indicati.
Venga così, tu pure con la pia benda copri le tempie.
L’idea è di completare i riti, che iniziati preparai bene,
a Giove stigio e porre fine agli affanni ed
affidare il rogo dell’uomo dardani alla fiamma.”.
Così disse. Quella affrettava il passo con lena senile.
Ma trepidante e furente per i propositi atroci, Didone
volgendo lo sgardo di sangue, chiazzata le guance
frementi di chiazzee pallida della futura morte,
irrompe nelle stanze interne della casa e sale
impazzita gli alti roghi e sguaina la spada
Dardania, regalo chiesto non per questi usi.
Qui, dopo che guardò le vesti iliache ed il noto
letto, fermatasi un po’ per lacrime e pensiero
si buttò sul letto e disse le ultime parole:
“Dolci spoglie, fin che i fati ed il dio permetteva,
accogliete quest’anima e scioglietemi da questi affanni.
Vissi ed il corso che la sorte mi diede, l’ho compiuto,
ed ora la grande immagine di me andrà sotto le terre.
Fondai una città famosa, vidi le mie mura,
vendicato il marito, ricevetti soddisfazione dal fratello nemico,
felice, ahi, troppo felice, se soltanto le carene
dardanie non avessero mai toccato i nostri lidi.”.
Disse ed impressa la bocca sul letto”Moriremo invendicate,
ma moriamo” disse. “Così, così è bello andar sotto le ombre.
Il crudele dardano beva con gli occhi questo fuoco
dall’alto, e porti con sé i presagi della nostra morte”.
Aveva detto, e le compagne in mezzo a tali parole la vedono crollata sull’arma, e la spada spumeggiante di sangue
e cosparse le mani. Va il grido alle alte
stanze: Fama furoreggia per la città sconvolta.

DISPERAZIONE DELLA SORELLA ANNA (4.667- 705)
Di lamenti e di pianto e di ululare femminile
fremono le case, l’aria risuona delle alte grida.,
non diversamente che, entrati i nemici, Cartagine
tutta o l’antica Tiro crolli e le fiamme furiose
s’avvolgano per i tetti degli uomini e degli dei.
Sente esanime la sorella e atterrita con tremante corsa
rovinandosi il volto con le unghie ed il petto coi pugni
corre in mezzo e chiama la morente per nome:
“Questo fu proprio, sorella?Mi colpivi con l’inganno?
Questo mi riservava tale rogo, questo i fuochi e gli altari?
Abbandonata di che mi lamenterò prima? Morendo hai rifiutato
la sorella come compagna? Mi avessi chiamata agli stessi fati, lo stesso dolore e la stessa ora avesse prese entrambe con la spada.
Costruii anche con queste mani ed invocai con la voce
gli dei patrii perché fossi, crudele, posta lontano da te?
Uccidesti, sorella, te e me ed il popolo e gli antenati
sidonii e la tua città. Date, con le acque laverò
le ferite e, se un ultimo sospiro vaga ancora, lo raccoglierò
con la bocca.” Detto così aveva scalato gli alti gradini,
ed abbracciatala scaldava sul petto la sorella semiviva
con gemiti ed asciugava colla veste il nero sangue.
Ella tentando di alzare i pesanti occhi di nuovo
sviene; nel petto la piaga impressa stride.
Tre volte alzandosi e appoggiandosi al gomito si levò,
tre volte si riversò sul letto e con gli occhi erranti in alto
cercò in cielo la luce e gemette ritrovatala.
Allora Giunone onnipotente commmiserando il lungo dolore
del difficile trapasso mandò Iride dall’Olimpo
che sciogliesse l’anima lottante e le membra incatenate.
Infatti poiché moriva né per fato nè per morte meritata,
ma infelice prima del giorno e acceda da improvviso furore,
non ancora Proserpina le aveva strappato dal capo il biondo
capello e condanata la persona all’Orco stigio.
Perciò Iride rugiadosa con le penne di croco per il cielo
traendo mille vari colori nel sole davanti vola giù
e si fermò sopra la testa. “Io comandata porto questo
sacro a Dite e sciolgo te da questo corpo”:
così disse e con la destra taglia il capello, tutto il calore
insieme svanì e la vita si disperse nei venti.

Testo latino e traduzione a cura del prof. Giuseppe Lucca, autore del sito Inter nos

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: