Non si finisce mai di imparare

Fine mese: tempo di traduzione.

Nella mia vita scolastica, quelle appena trascorse sono state settimane passate a correggere montagne di verifiche scritte: le mie allieve e allievi si sono dovute quindi confrontare con le mie correzioni ai loro testi. Oggi la situazione si rovescia: ora sono io ora che, nella mia vita giornalistica, dovrò confrontarmi con le correzioni ai miei errori.

Infatti, prima di tradurre direttamente dal francese un nuovo articolo per l’edizione italiana del mensile «Le Monde Diplomatique» (in edicola dal 15 dicembre), come avrei fatto anche questa volta, ho dovuto controllare le correzioni alla mia precedente traduzione, inviatemi dalla Redazione. Come le mie allieve e allievi, anch’io oggi ho dovuto quindi fare i conti con le mie cadute: refusi, sviste e fraintendimenti.

Dal prontuario delle frasi fatte, allora, tiro fuori quella che più si adatta alla situazione: sbagliando s’impara!

E ora all’opera.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: