Bisboccia bocciata ovvero come fumarsi la promozione

Sulla pagina Facebook di un mio allievo trovo scritte queste parole: «Nella merda da sempre provo a dire che la vita è bella ma niente», firmate Cianuro feat. Gemitaiz. Il ragazzo, sedicenne, era promettente: nel primo periodo dell’anno aveva voti discreti, poi ha smesso di fare i compiti e di studiare. Alla fine è stato bocciato.Ha dichiarato che lui fuma. Fuma spinelli. A sedici anni. Niente di strano? Quanti ce ne sono come lui? Uno su dieci, dieci su cento, cento su mille? Non conosco le storie degli altri 999, ma conosco un poco la sua. Genitori separati. Pomeriggi passati nella desolazione di un paesello di provincia. Mancanza di motivazioni. “Una gran bella testa” a detta della maggioranza dei professori. Ma le lacune si accumulano + i voti peggiorano = bocciato.

Occorre leggere i testi delle canzoni che citano i nostri studenti per capire in quale immaginario sono immersi, quali sogni sognano o, meglio, non sognano. «Consumo la notte di giugno e fuori piove mentre disegno / Mi fumo le scorte di luglio fra sarà grave quando mi sveglio»: questi sono i primi due versi della canzone Notturno dei rapper Cianuro e Gemitaiz, citata dal mio allievo sulla sua pagina Facebook.

Insonnia, creatività, marijuana. È il clichè perfetto, lo stereotipo, il luogo comune della gioventù bruciata, della bohème, dei maledetti di oggi e di ieri. I nostri Rimbaud vivono nella decadenza, ma non la decadenza della fine dell’Ottocento e dei primi del Novecento, originaria, bensì una decadenza riprodotta a livello di massa, commercializzata su iTunes, monetizzata su YouTube, dove ogni click a un video, superate le centomila visualizzazioni, frutta denaro a chi ha caricato il video, grazie alle pubblicità, e al canale che lo ha diffuso. Il mio allievo è stato vittima della decadenza pubblicitaria.

«Non mi rassegno al sogno correndo su una trave di legno
La sorte sopra un foglio frate in certe cazzate m’impegno
Al meglio e guardo oltre tra pianoforte e bocce di Alcool
Immerso in questa coltre in cui non verso gocce di pianto»

Così continua Notturno. Per quanto possa sembrare incredibile questi versi riproducono modelli tardo-romantici di oltre cento anni fa, testimoniati dal rimando, poco oltre, allo scrittore Emilio Praga, esponente della Scapigliatura. Scapigliato ma tra i fondatori della SIAE. Proprio come oggi: decadenti per soldi. «Giro l’Italia riempiendo i locali / mentre questi a casa parlano di Sfera […] Parla meno, pensa a farne molti, molti / Quattro in mate ma ora faccio i conti, conti / Apro conti, fra’, divento un conte, conte» si bea il decadente pubblicitario Sfera Ebbasta, sedicente somaro in matematica ma esperto in conticorrenti. J-AX l’ha chiamata…

Tornando a Cianuro. Secondo lo stereotipo romantico dell’artista genio incompreso, la ribellione («Non mi rassegno») fa il paio con la vocazione artistica («sopra un foglio […] m’impegno») e l’esaltazione delle sostanze stupefacenti («bocce di Alcool»). Il tutto condito da ammiccamenti giovanilistici, evidenti nel gergo utilizzato: frate sta per fratello, traduzione dell’inglese brother, abbreviato bro. Non è un riferimento alla regola monastica, ma alla subcultura hip hop, nata fra le gang di spacciatori del Bronx.

«De st’erba me fumo anche i gambi fino a quando tutto non mi è risalito» canta Gemitaiz, con chiaro riferimento alla mariujana, per concludere: «riduciamoci il cervello in un cratere / gli occhi in catene i segni delle occhiaie / spegnimi o mi stendo su quelle rotaie». Ed ecco di nuovo lo stereotipo dell’artista genio incompreso, votato al suicidio, come Werther, in una società borghese che dovrebbe escluderlo, mentre, stando ai milioni di visualizzazioni, lo include, eccome. Dovrebbe essere out, invece è nelle hit.

Così come sappiamo che I dolori del giovane Werther di Goethe provocarono un’ondata di suicidi nel Settecento, dopo l’uscita del romanzo, viene da chiedersi quanti adolescenti siano indotti dalle canzoni dei rapper nostrani ad alterare le loro percezioni assumendo cannabis indica con il suo principio attivo, il tetraidrocannabinolo. Non c’è alcun rapporto di causalità, probabilmente, né ha senso demonizzare un certo genere musicale, come un tempo i bacchettoni facevano con il rock. Bisogna tuttavia riflettere sulla diffusione delle sostanze stupefacenti fra i minorenni: assumerle, superata la maggiore età, è stato per secoli un rito di passaggio all’età adulta. Favoriva l’accoppiamento e la riproduzione, così come nelle orge dionisiache, ma questi riti hanno senso fra minorenni che le regole devono conoscerle prima di trasgredirle? Ha senso fra minorenni che non hanno nessuna intenzione di riprodursi? Assumere sostanze stupefacenti che possono condurre alla scomposizione della personalità, ha senso quando ancora bisogna costruirsela una personalità?

Prendere a modello, nella prima giovinezza, chi ha vissuto le disillusioni dell’età adulta e cerca una via di fuga nei paradisi artificiali, per un giovane in piena tempesta ormonale è come imitare un impotente, per un giovane scalatore è come scalare una montagna senza picchetti, per un giovane studioso è come fare bisboccia prima di una verifica. La fine è segnata: per uno studente che smette di studiare, «immerso nella coltre», significa bocciatura. Forse non verserà subito gocce di pianto, ma fra qualche anno, quando la vita gli si sarà rivelata nella sua spietata irreversibilità, qualche goccia forse cadrà. E non sarà un bello spettacolo. Nessuno sarà lì ad applaudire o a mettere Mi piace. Si sarà soli con i propri errori.

Le storie cupe dei rapper di oggi dovrebbero fungere da avvertenza, come le fiabe di un tempo. Chi mai, dopo aver ascoltato la storia di Hansel e Gretel, andrebbe in cerca di un forno in cui gettarsi, dopo essersi perso apposta in un bosco? Alcuni dei nostri giovani lo fanno. Perché gettarsi nel forno, nel «braciere» cantato da Gemitaiz, è diventato di moda, cool, swag.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: