Molta pazzia è divino buon senso | Poesia

Molta pazzia è divino buon senso –
per un occhio avvertito –
molto buon senso – pura pazzia –
è la maggioranza
in questo, come in tutto, a prevalere –
Di sì – e sei sano –
ribellati – subito sei pericoloso –
e ti trattano con catene –

Much Madness is divinest Sense –
To a discerning Eye –
Much Sense – the starkest Madness –
’Tis the Majority
In this, as all, prevail –
Assent – and you are sane –
Demur – you’re straightway dangerous –
And handled with a Chain

(Emily Dickinson, Poesie, traduzione di Massimo Bacigalupo)

Mercoledì scorso si è chiuso il corso di lingua e letteratura italiana che ho tenuto per un biennio al liceo Galilei di Ancona. Tra tutte le poesie lette quest’anno*, ho scelto di riprendere questa di Emily Dickinson, perché in otto versi è condensata la storia dei rapporti tra io e società, tra il soggetto rivoluzionario e la società conformista.

Durante l’adolescenza il giovane io inizia una lotta innanzitutto con se stesso per affermare dentro di sé i propri ideali, modelli, sogni e contemporaneamente questa lotta si trasferisce in campo sociale, in famiglia, a scuola, nelle piazze. Il giovane io dovrà scegliere se omologarsi o affermare la propria individualità, esprimere appieno se stesso, la propria persona, a costo di uscire dal gruppo, di finire in minoranza, di essere imprigionato in un’etichetta o, peggio, in caserma, come è successo ai giovani che lottavano per un mondo migliore a Genova, nel 2001.

Emily Dickinson dice al giovane io che fine fa il ribelle nella società conformista.

Se il giovane io sceglierà di ribellarsi – come è successo quest’anno negli scioperi per l’ambiente – questo nuovo Holden sa già che sarà considerato pazzo e pericoloso, come Greta Thunberg che alla benpensante Rita Pavone è apparsa “un personaggio da film horror”, il 15 marzo scorso, in un Tweet.

Il giovane io non dovrà ribellarsi per forza, potrà anche scegliere di vivere “nascosto”, come raccomandò il filosofo Epicuro, nel periodo ellenistico, quando ormai i cittadini greci, e quindi lui stesso, avevano perso la loro libertà effettiva. L’importante è che sia una scelta consapevole. Se, invece, il soggetto sceglierà di affermare le proprie idee, saprà che occorre padroneggiare, come i poeti e gli oratori, l’arte della parola.

Perché solo chi possiede quest’arte, l’oratoria, intrisa di poesia e nutrita di storia, può essere considerato un uomo buono: vir bonus, dicendi peritus, come raccomandava Cicerone. Non basta essere convinti di non essere pazzi, non basta essere certi di avere ragione, bisogna dimostrarlo e, se si è capaci di dimostrarlo, dopo ricerche approfondite, prima o poi, come avvenne a Galilei, ciò che un tempo fu considerato pazzia sarà ritenuto divina saggezza e diventerà una formula ripetuta per secoli, come un poesia.

* Carme a Leuconoe di Orazio; Tanto gentile e tanto onesta pare di Dante Alighieri; Voi che ascoltate in rime sparse il suono e Chiare, fresche e dolci acque di Francesco Petrarca; Ode al cinque maggio di Alessandro Manzoni; L’albatro, Corrispondenze, A una passante di Charles Baudelaire; Languore di Paul Verlaine; Molta pazzia è divino buon senso di Emily Dickinson; Lavandare di Giovanni Pascoli; La pioggia nel pineto e Meriggio di Gabriele D’Annunzio, incipit del Manifesto del Futurismo e Zang tumb tumb di F.T.Marinetti; Commiato di Giuseppe Ungaretti; Penso e ripenso di Guido Gozzano; Meriggiare pallido e assorto e Ho sceso un milione di scale di Eugenio Montale; Versicoli quasi ecologici di Giorgio Caproni; Piangi piangi di Edoardo Sanguineti; C’è chi loda il letamaio di Nanni Balestrini; L’onda che si ritira e si allontana di Patrizia Cavalli; La merce invenduta piange di Aldo Nove. Canzoni: La canzone di Piero di Fabrizio De Andrè; Dio è morto e La locomotiva di Francesco Guccini; Corvo torvo di Vinicio Capossella; Vanità di vanità di Angelo Branduardi; L’albatro di Marracash feat. Dargen e Rancore; canzoni e poesie scelte dagli allievi e dalle allieve.

1 commento
  1. mancinellipaola@libero.it ha detto:

    Bellissima lirica e verissima, perfetta. Paola

    >

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: